GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Qualche lacrima , moltissimi sorrisi . Lo si è ricordato cosi, Riccardo Coco, in una serata piena d'affetto, di amici e di parenti. Al BFlat, il dodici dicembre è stato presentato il libro che Andrea Coco ha dedicato all'amatissimo cugino, dandogli un titolo , "Vivere a modo mio " , che cita una mai dimenticata trasmissione degli anni Settanta. Un gran successo su Videolina e di quei tempi e molto altro hanno parlato l'editore Giorgio Ariu, Mauro Manunza e Antonello Angioni, nonchè Andrea Coco, autore di un testo nostalgico e divertente. Tutti , tra i presenti, avevano qualcosa da raccontare sulla personalità di un uomo generoso e brillante , bravo in cucina quanto al microfono. Uno che prendeva il telefono e dichiarava : ti voglio bene. Senza ragione, senza tornaconti , solo per un moto del cuore. Un patriarca, a suo modo, padre di quattro figlie meravigliose , nonno assai rimpianto che aveva imparato dalla famiglia d''origine, vasta e compatta, a tenere i legami, a non trascurare le persone. Hanno suonato e cantato, Alessandro e Carlo Coco, il fratello e…
   Caro Donald Trump Sono una ragazza di undici anni e mezzo, per metà americana e per metà palestinese, e vivo in Palestina. Io non posso credere che tu abbia regalato la nostra capitale Gerusalemme. Conosci la storia e la sofferenza dei palestinesi nel tentativo di combattere per la propria libertà e per il proprio paese? Gli israeliani sono arrivati nel 1948 cacciando i palestinesi fuori dalle loro abitazioni. Hai visto i campi profughi affollati di palestinesi che tu hai cacciato da Gerusalemme? Hai visto il muro che tu hai permesso di costruire? Hai visto le case abbandonate? Hai visto la Palestina? Sai che mio nonno è stato cacciato da Gerusalemme? Ho pensato che tu fossi anziano abbastanza da prendere da solo delle buone decisioni. Ho pensato che tu volessi il bene e non il male……. cordialmente Jenna Sosebee   Chi è Jenna Jenna Sosebee è la figlia di Steve Sosebee, fondatore del Palestine Children’s Relief Fund. Ha una sorella di 21 anni Deema. Sua madre Huda era una rifugiata da Gerusalemme, nata e vissuta a Ramallah e morta di leucemia…
Un pubblico attento e interessato, due conferenzieri di qualità che hanno dato spessore ad un dibattito affascinante su un tema, sempre di attualità, come quello del banditismo. E' la sintesi di una bella serata presentata ieri sera, a Cagliari, nella Sala degli Specchi della Facoltà di Scienze Umanistiche, dall'associazione culturale “Riprendiamoci la Sardegna”. Mario Guerrini ed Ettore Angioni, il primo autore di un nuovo libro per il quale si sta profilando un grande successo “Banditismo. I segreti di un reporter televisivo.” (Gia Editore), il secondo, magistrato, che fu in primo piano sul fronte dei sequestri di persona e anch'egli fresco autore di libri sui rapimenti (Casana e Troffa) hanno ricevuto applausi e unanime apprezzamento. Hanno raccontato con particolari inediti vicende dolorose che, hanno concordato entrambi, “devono rimanere nella memoria dei sardi”. Di particolare interesse i racconti legati al giudice Lombardini e ad altri personaggi che hanno caratterizzato quegli hanno tristi per isola. Ricordi personali si sono aggiunti alle rievocazioni di alcuni di quei fatti suscitando un enorme interesse tra i partecipanti che hanno premiato i due conferenzieri con una scrosciate…
Linguaggio rivoluzionario ed eroi negativi: la serie Gomorra raccontata dal suo regista, Claudio Cupellini. Raccontare il male è scendere in un abisso, visitare le tenebre, intingersi dell’asfissia nata dalla mancanza di redenzione, assoluzione. E, nonostante la finzione dovuta, sia essa contenuta nelle pagine di un libro, nelle battute di un copione, nel testo di una canzone, nell’angolazione particolare delle riprese, il racconto, la cronaca, il riportare quella che è la realtà, seppure edulcorata dai ruoli, dai personaggi divenuti famosi, lasciano squame, detriti, una fuliggine fatta innanzitutto della consapevolezza che il male, effettivamente, esiste. Raccontarlo però  con talento è un’arte, un’arte fatta di attenzione, di passione, di grande compartecipazione. Potrei cominciare così questa intervista, sarebbe d’obbligo e quasi fisiologico intervistando Claudio Cupellini, regista dell’acclamata serie Gomorra, in onda proprio in questi giorni su Sky Atlantic. E per quanto l’atmosfera di Gomorra, sia catrame privo di luce, mare in tempesta senza provvidenza, peccato senza confessione o assoluzione, mi piace pensare che proprio nel racconto di ciò che è oscurità, ci sia una sorta di antitesi, di esorcizzazione, di “ liturgia” salvifica, di…
Lunedì, 11 Dicembre 2017 12:05

la grande squadra di gia editrice - di giorgio ariu

Scritto da
    Inizio anni ’70, il naturalista Raniero Massoli Novelli durante una dura battaglia in solitaria per la salvaguardia dello Stagno di Molentargius pubblicò per la nascente GIA Editrice il suo e il nostro primo libro. Fu un successo, decretato soprattutto dal circuito delle scuole della Sardegna. L’operazione editoriale segnò anche lo spartiacque con la cosiddetta editoria degli stampatori. Insomma, fu il primo libro di una Casa Editrice indipendente, come scrisse su un saggio nel quotidiano L’Unione Sarda  la storica Pia Giganti. Di li a poco Antonello Mattone, Giuseppe Melis Bassu e Aldo Cesaraccio scrissero un documentatissimo “Mussolini in Sardegna” libro cult di rigorosa tensione laica. La giovane Casa Editrice aprì numerose collane con prestigiosi autori come Francesco Masala con il “Riso Sardonico”, Agostino Castelli con “Un canto per il Cile”, Juana Rosa Pita esule cubana con “Arie Etrusche”, Gabriella Nakayama con “Horror vacui”, l’indimenticato pretore, naturalista Maurizio Santoloci con “Fotografare gli animali per difenderli dall’estinzione” e con “Lo Stagno di Mistras”; l’opera omnia in anastatica del Canonico Spano, il delizioso e riscoperto volumetto di Grazia Deledda “Amori Moderni” con la prefazione della esordiente Neria…
Pagina 1 di 236