GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Mercoledì, 19 Luglio 2017 09:11

tendenza pescaturismo e cibo sano - di Gianna Saba

Scritto da
  Quando si parla di cibo sano, fresco, genuino, si parla di “…Pescaturismo, l’esperienza di vivere una giornata da protagonista a bordo di una vera imbarcazione da pesca” alla scoperta di un ambiente naturale e delle varietà delle sue specie, delle baie, delle spiagge, delle acque cristalline, ma soprattutto, alla scoperta dei gusti e dei profumi dei prodotti pescati e cucinati secondo le antiche ricette locali. Se non amate la barca, ma non volete rinunciare alla genuinità del pesce fresco, potete sempre regalarvi una giornata in un Ittiturismo a contatto con lo straordinario patrimonio delle tradizioni lagunari della Sardegna in cui i mestieri della pesca si fondono con la moltitudine di pesci e varietà di uccelli che caratterizzano tali ambienti. When we talk about healthy, fresh, genine food, we are talking about "... Pescatourism, the experience of an entire day as a protagonist on a real fishing boat" discovering the surrounding natural environment and the variety of species, the bays, the beaches, the crystal clear water, but above all, discovering the tastes and scents of the products fished and cooked…
Lunedì, 17 Luglio 2017 12:58

A Silanus l’Arte come elemento di sviluppo

Scritto da
Accarezzata da un generoso maestrale si è svolta l’altra sera a Silanus la cerimonia di apertura della seconda edizione di NOIS, progetto di sviluppo locale che intreccia radici, culture tradizioni e prodotti con l’arte, utilizzando soprattutto la fotografia come momento di incontro e racconto della comunità del Marghine. Nell’ambito di tale manifestazione si è inaugurata la mostra di pittura e fotografia “marine&emarine di Sardegna” col taglio dell’azzurro nastro da parte dell’Assessore regionale alla Pubblica Istruzione e Cultura Giuseppe Dessena. Il taglio inaugurale  è stato preceduto da uno stimolante quanto serrato dibattito, introdotto dal Sindaco Gianpietro Arca, su cultura e sviluppo del territorio, che ospita il rinomato nuraghe di Santa Sabina, al quale hanno preso parte Gianbattista Ledda (Borghi Autentici d’Italia) Carlo Mannoni (Fondazione  Sardegna) Paolo Piquereddu (International Council of Museums) oltre allo stesso Assessore Dessena. Carlo Nieddu Arrica e Chicco Marcheschi autori, l’uno della pittura e l’altro della fotografia, hanno proposto, presso la casa museo Aielli visitabile fino al 4 agosto prossimo, un racconto sui paesaggi costieri della Sardegna ad “evocare nostalgie rimaste nella memoria” in un dialogo fra due…
Lunedì, 17 Luglio 2017 12:51

sardegnatavola al 33° anno sempre vicino a te

Scritto da
Il grano duro coltivato con i pesticidi, la carne trattata così da attentare alla salute. Succede in Canada, e non solo, con diffuse e legalizzate complicità.Successivamente con denominazioni che storpiano la nostra lingua entrano trionfalmente sul mercato con la benedizione del CETA che significa l'Europa è con loro. Al bando la certificazione di origine dei prodotti agroalimentari, in ospedale o nelle fosse la nostra salute. Insomma il made in Italy e i prodotti sardi, dai salumi ai formaggi, dalla pasta al miele finiscono a scaffale nella grande distribuzione con danni inestimabili. Un solo dato: in Canada ventisei caseifici spacciano per italiani i loro prodotti e la mozzarella diventa mozzarina. In Olanda, terra felice per l'agroalimentare e gli allevamenti, hanno preso una cotta per l'innovazione spinta e tra le start-up regna l'insetto. Si, grilli, cavallette e larve si diffondono per campagne e città perché segnano la nuova frontiera dell'alimentazione e del business. A SARDEGNATAVOLA piace il cibo che racconta la nostra storia, le fatiche dei campi, la scansione dei giorni e delle stagioni. La felice congiunzione tra cielo e terra insaporita…
In un’intervista alla popolare conduttrice e attrice Maria Teresa Ruta, andiamo alla scoperta del suo nuovo spettacolo “Recitar Mangiando” dove cucina e letteratura si abbracciano sul palco. La questione del cibo è sempre stata molto importante per l’umanità fin dai tempi antichi, tanto che le opere di molti autori si caratterizzano per la presenza di momenti conviviali e di ricette, perché ciò che ha a che vedere con il cibo ha a che vedere con la nostra vita, scandita in base al cibo evocato e cucinato. Mangiare non significa solamente appagare la sensazione di fame ma rappresenta anche un momento di piacere, consolazione e rifugio dai problemi della quotidianità. Abbiamo intervistato al telefono Maria Teresa Ruta che, assieme a sua figlia Guenda Goria e a Silvia Siravo, il prossimo 24 luglio sarà protagonista dello spettacolo “Recitar Mangiando” nella cornice dell’Ex Municipio di Pula. Generosa e precisa, la popolare conduttrice e attrice ha condiviso con noi i motivi che l’hanno portata a riavvicinarsi al teatro, la sua esperienza nella conduzione di programmi televisivi di cucina, l’amore per l’isola e il rapporto…
Lo scorso 7 luglio, presso la sala didattica del Museo archeologico Nazionale di Cagliari, nella Cittadella dei Musei intitolata a Giovanni Lilliu, primo studioso sardo accolto nella prestigiosa Accademia dei Lincei, è stato presentato il volume La grande statuaria nella Sardegna nuragica e i Giganti di Monti Prama, che raccoglie - o meglio accoglie, con motivazioni affettive e scientifiche - due magistrali studi dello stesso illustre archeologo, fondamentali per la comprensione delle molteplici problematiche connesse allo straordinario sito di Mont’e Prama-Cabras (OR): Dal betilo aniconico alla statuaria nuragica, del 1977, edito nel volume XXIV della rivista «Studi Sardi», e La grande statuaria della Sardegna nuragica, uscito vent’anni più tardi nel volume IX, 3, delle Memorie dell’Accademia dei Lincei. Già i semplici titoli dei due contributi evidenziano la rilevanza delle argomentazioni che, allora come oggi, si pongono come pietre miliari per lo studio di Mont’e Prama. Il libro, edito dalla GIA Comunicazioni di Giorgio Ariu, viene pubblicato in occasione della celebrazione dei quarant’anni della costituzione del Rotary Club Cagliari Nord e vuole essere, come sottolineato in una nota introduttiva da Antonello…