GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

È per me doveroso, quasi tutti i giorni, fornire un modesto contributo volto a valorizzare il nome e la figura di Gavino Gabriel (Tempio 1881- Roma 1980), una quercia secolare che tanto ha dato alla sua Sardegna, all’Italia e al mondo. Con l’Accademia e il Coro Gavino Gabriel abbiamo cercato in tanti i modi di ricordare, promuovere e tutelare questo eclettico personaggio togliendolo addirittura dal dimenticatoio dove il più delle volte sono relegati i personaggi illustri e i grandi della nostra storia soprattutto sardi. La mia agenda è abbastanza nutrita e raccoglie una buona parte scritta e epistolare, vedi opere e documenti di quanto lui ha seminato e raccolto, lasciando a tutti noi una eredità pesante e per questo abbastanza importante. Ecco perché con il nostro Coro, quello a lui dedicato, di concerto con la Famiglia Gabriel abbiamo sempre cercato di seguire il solco da lui tracciato, intriso soprattutto di sardità e di Sardegna. Bisogna quindi andare a ritroso negli anni, prima al Liceo Dettori di Cagliari quando a sedici anni si permette di polemizzare niente meno che con Giosuè…
La parola competizione è femmina, certo avrei potuto utilizzare il termine concorso, ma forse in questo modo si rende meglio il senso di una competizione completamente ideata e “ dipinta”, appunto, in rosa. Mancano ormai pochi giorni alla scadenza del 28 febbraio per chi desidera partecipareal Bando di Concorso per attori ed autori “Le Cortigiane”, concorso di corti teatrali rigorosamente femminili e a tema libero. Le storie possono essere inedite o adattamenti di testi già esistenti. Non è previsto nessun compenso e la partecipazione è a titolo gratuito, ogni pièce avrà una durata da un minimo di 15 minuti ad un massimo di 25. I protagonisti dovranno essere personaggi femminili e anche gli uomini dovranno in ogni caso presentare ed interpretare personaggi femminili. Nutrito il parterre della giuria tecnica composta da:  Giulio Baffi, critico teatrale - autore - docente di storia della regia all'Accademia di Belle Arti di Napoli, Ernesto Mahieux, attore - vincitore del David di Donatello 2003, Tonino Taiuti, attore - vincitore della Maschera del Teatro 2017, Sergio Sivori, attore – regista- doppiatore, Roberto Zibetti, attore, Patrizia Spinosi,…
Martedì, 13 Febbraio 2018 11:34

Una statua per gigi riva - di pietro porcella

Scritto da
Con l’apertura del conto corrente sul quale fare le donazioni e della pagina Facebook, parte ufficialmente l’operazione “Una statua per Gigi Riva” l’uomo, il campione, il sardo. Si tratta di una iniziativa di un gruppo di professionisti e appassionati cagliaritani che ha lanciato un azionariato popolare per costruire e posizionare nella città di Cagliari una statua gigante di Gigi Riva, l’eroe dello scudetto cagliaritano del 1970 e tutt’ora storico capocannoniere della nazionale italiana di calcio.  “L’opera - spiega Pietro Porcella il giornalista sardo-americano ideatore dell’iniziativa-  in grandezza doppia del naturale, riprenderà la classica ‘stamborrata’ di sinistro che rese celebre ‘Rombo di tuono’ e vuole essere un segno di riconoscimento non solo per il campione sportivo, ma sopratutto per l’uomo saggio e coerente che dopo la carriera sportiva  ha poi sposato la Sardegna e i suoi caratteri più belli.” Chiunque può partecipare e diventare socio dell’iniziativa, versando individualmente una cifra minima di € 10 e indicando nella casuale del bonifico nome, cognome, età, professione, luogo di provenienza e di residenza. I soci che verseranno più di € 100 verranno listati come soci onorari. …
Nel freddo di febbraio il centro di Cagliari si accende di cultura. Tra l'8 e l'11, in Piazza Dettori, si è tenuta la manifestazione "Arti al Centro", un evento organizzato da GIA Comunicazione di Giorgio Ariu con un format inedito che ha abbracciato tutte le arti a 360 gradi, dallo sport alla pittura, passando per le tradizioni sarde e la cucina.  Così i visitatori presenti hanno potuto godere dei racconti di pezzi di storia del Cagliari Calcio, con Raffaello Vescovi e Tonino Congiu a narrare le loro gesta in rossoblù, così come degli aneddoti di giganti del pugilato come Franco Udella e Tonino Puddu, il tutto coordinato dalla baritonale voce del cantore sportivo Franco Ligas. Ma questi grandi protagonisti dello sport sono stati solo una goccia nell'oceano dei personaggi che hanno preso parte alla quattro giorni di Arti al Centro. Si era partito con lo show cooking del maestro macellaio Bruno Bassetto, rinomato in tutta europa come il re della battuta al coltello, e si era proseguito con l'incontro tra Alberto Cocco e l'attrice Katia Corda, pluripremiata col suo film…
Undici febbraio 2018. Ore 18,15, la Chiesa del Lacco si popola dei primi arrivi. Sciarpe e cappelli sugli scanni, qualche battuta, l’occhio all’orologio per controllare chi manca ancora, cellulari che si infiammano di whatsapp. Don Raffaele Ferrigno, parroco del Lacco, accoglie e sorride. Dalla sagrestia arriva l’odore di buono che hanno tutte le cose in via di cominciare. Se c’è un evento che mette sintonia fra le generazioni è proprio questo: la Chiesa è gremita,  la partecipazione autentica, sentita. Ci sono intere famiglie, bambini ed adulti, tutti insieme per la riunione preparatoria a quella che sarà l’edizione 2018 della Via Crucis di Ravello. Attenzione, non un semplice spettacolo rievocativo, e nemmeno una compiaciuta lettura teatrale di una verità di fede, ma come la conclusione dell’incontro ha rivelato e fortemente sostenuto, un momento della vita di Ravello, forse uno dei più importanti non solo dal punto di vista liturgico, ma soprattutto sociale, chiara testimonianza del senso di comunità, di appartenersi ed appartenere ad un territorio. Ancora una volta l’Associazione Ravello in Scena, sotto la guida del presidente Alfonso Mansi, combattivo, generoso …