GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Mercoledì, 17 Maggio 2017 09:14

troppo giovane per sapere se maschio o femmina: storia di sole, la tartaruga rinata - di andrea orrù

Scritto da

Sole , cosi l’hanno chiamata gli scolari in visita alla Laguna di Nora, la tartaruga marina della specie Caretta caretta  che in attesa di tornare libera in mare,  nuota nella grande vasca di riabilitazione del Centro recupero per le tartarughe marine.

Pochi giorni prima dello scorso natale, nel buio della notte, le onde di una mareggiata di levante l’avevano sbattuta sulla spiaggia di Giorgino. Per caso, illuminato dalle torce di due increduli pescatori impegnati in una battuta di surf casting, è apparso questo  piccolo animale avvolto in un intreccio contorto di  lenza di nylon.

Da molti giorni, e forse mesi, questa lenza le strozzava inesorabile un pinna , impedendole di  nuotare e procurarsi il cibo e facendola sempre più  indebolire e dimagrire e continuando a stringersi i sino a lacerargli i muscoli in una morsa letale.

Le tartarughe marine sono animali onnivori e trovano nel mare una grande varietà di organismi di cui nutrirsi,  tra i tanti le meduse costituiscono  per loro una delle prede più gradite e facili da catturare.

Bottiglie , buste , teli, bidoni, lenze ,oggetti di plastica di ogni tipo affollano sempre più  il mare e ogni giorno  tartarughe marine in cerca di cibo sono attratte ed ingannate da queste trappole vaganti  abbandonate.

La Piccola tartaruga marina Sole ha lottato contro la lenza e contro la morte,  quando è arrivata al centro recupero della Laguna di Nora pesava solo 1,3 kg e il suo stato di debilitazione era talmente grave  da lasciare poche speranze per la sua sopravvivenza.

Oggi pesa 2 ,5 kg, la sua pinna ha superato l’infezione e rimarginato la profonda lacerazione  e presto le permetterà di tornare libera in mare ……… dimenticavo….. non possiamo sapere  se è maschio o femmina perché è ancora troppo giovane , dovrà crescere, compiere almeno 20 anni per raggiungere l’età adulta e fertile e pesare circa 25 kg per mostrare, se maschio, la coda sporgente dal carapace, oppure no nel caso sia femmina.

Sono oltre 300 gli esemplari di tartaruga marina curate, riabilitate e tornate libere in natura dal Centro recupero cetacei e tartarughe marine Laguna di Nora, che opera  dal 1993 ed è nodo della Rete Regionale per la Conservazione della Fauna Marina della Regione Sardegna.

Andrea Orrù , biologo e operatore del Centro recupero  cetacei e tartarughe marine Laguna di Nora  

Letto 164 volte
Giorgio Ariu

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.