GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Lunedì, 03 Luglio 2017 17:53

Intitolato ai fratelli Pirastu il “Palazzetto dello Sport” di Cagliari. di Antonello Angioni

Scritto da

Intitolato ai fratelli Pirastu il “Palazzetto dello Sport” di Cagliari

 

 

Concluso l’iter amministrativo, il 30 giugno 2017 il “Palazzetto dello Sport” di Cagliari, il principale impianto sportivo al coperto del capoluogo, è stato ufficialmente intitolato ai fratelli Pirastu. Al termine di una cerimonia carica di ricordi, su invito del sindaco Massimo Zedda, sono state due giovani nipoti dei fratelli Pirastu, Beatrice Mastio e Giulia Pirastu (rispettivamente nipoti di Emilio e Paolo) a sollevare il drappo rosso che copriva la targa.

 

Erano presenti molti parenti e amici della famiglia Pirastu e diverse glorie del mitico “Brill”, la squadra che negli anni ’70 militò nella massima serie di pallacanestro facendo davvero sognare i tifosi cagliaritani che, in migliaia, assistevano alle partite: sogni che talvolta si tramutarono in realtà come quando, il 4 marzo 1973, i campioni d’Italia della “Ignis” furono sconfitti nel parquet di Monte Mixi.

 

La serata è stata introdotta da Davide Carta, consigliere comunale e presidente della Commissione consiliare che ha deciso l’intitolazione della struttura ai fratelli Pirastu. Carta ha tracciato i profili biografici dei sette fratelli (Luigi, Antonio, Emilio, Ignazio, Franco, Carlo e Paolo) evidenziando non solo il loro impegno per lo sport ma anche la competenza professionale e la passione civile e politica che, nel corso degli anni, ha caratterizzato il loro operare facendone persone stimate da tutti.

 

Ha quindi preso la parola Andrea Pirastu, figlio di Emilio, il “professore” chiamato più volte ad assicurare la funzionalità delle gambe di “Gigi Riva”, il bomber che nel 1970 fece conquistare al “Cagliari Calcio” lo scudetto. Pirastu ha posto in evidenza la passione che la nostra città ha sempre avuto per lo sport ed ha voluto ricordare, al riguardo, il forte impegno e la competenza di uomini come Andrea Arrica ed Enrico Rocca.

 

Dopo di lui, Gianfranco Fara (presidente regionale CONI) ha svolto un ampio intervento. Partendo dalla storia del “Palazzetto”, ha ricordato ai presenti che se l’impianto oggi esiste – e può essere intitolato ai fratelli Pirastu – è grazie alla determinazione di amministratori attenti come Lino Lai e Giovanni Porrà. Ha poi parlato a lungo del suo rapporto con i Pirastu che ha definito dei veri sportivi, prima come atleti (nelle discipline della box e del basket) e poi come dirigenti che hanno sempre operato con estremo disinteresse e sacrificio.

 

La cerimonia è stata conclusa dal sindaco Massimo Zedda che ha ricordato il ruolo determinate svolto dai fratelli Pirastu per la crescita della città, attraverso l’impegno politico e la presenza nel sociale (Emilio Pirastu fu uno dei fondatori, nel 1956, della Casa di Cura Villa Elena). In particolare Zedda ha posto in evidenza le qualità di Luigi Pirastu, come dirigente di partito e amministratore pubblico (fu assessore alla pubblica istruzione nella prima Giunta comunale dopo l’Armistizio), definendolo un vero maestro (alla sua scuola si formò anche Giorgio Macciotta). Insomma, dedicare il “Palazzetto” ai fratelli Pirastu, secondo il Sindaco, ha costituito il giusto tributo della città di Cagliari verso una famiglia da sempre ha fatto tanto per lo sport e non solo. 

 

Antonello Angioni

 

Letto 404 volte
Giorgio Ariu

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.