GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Mercoledì, 02 Agosto 2017 12:12

le ricette dei nostri lettori: qui famiglia lucchi

Scritto da

Agnello in umido al profumo di rosmarino e scorza di limone

 

Mezzo agnellino da latte magro (farsi dare come aggiunta la coratella e non la testina);

Un cucchiaio abbondante di concentrato di pomodoro (conserva);

 

Quattro o cinque scorzette di limone;

 

Tre o quattro ciuffetti di rosmarino fresco (se possibile appena reciso);

 

Due spicchi d’aglio sbucciati;

 

Un filo d’olio d’oliva extra vergine;

Sale q. b.

 

 

PREPARAZIONE

 

1. Fatevi preparare dal macellaio di fiducia l’agnello a spezzatino, compresi cuore, fegato e laccetti.

 

2. Lavate il tutto in acqua corrente, scuotetelo tra le mani per sgrondare l’acqua in eccesso (non asciugatelo) e tenetelo pronto in una capiente terrina.

 

3. Nel frattempo, in un tegame possibilmente di coccio, mettete l’olio e fate rosolare i due spicchi d’aglio, che eliminerete non appena imbiondiranno ed avranno insaporito l’olio.

 

4. Dopo aver tolto il tegame dal fuoco, vi trasferirete l’agnello che farete rosolare, girandolo di frequente con un mestolo di legno, fino a quando i singoli pezzi non avranno acquisito la giusta rosolatura.

 

5. A questo punto aggiungerete le scorzette di limone, i ciuffetti di rosmarino e, dopo qualche minuto e qualche rimestata per insaporire la carne, il concentrato di pomodoro, diluito in un bicchiere d’acqua, e salate il tutto.

 

6. Seguite la cottura, che deve procedere, per circa 45 minuti, a tegame coperto, girando di frequente lo spezzatino con il mestolo e, se necessario, aggiungete, anche a più riprese, un poco d’acqua.

 

7. A cottura ultimata dovrà rimanere un poco di sughetto addensato; questo vi consentirà di servire l’agnello caldo, appena cotto, e/o riscaldarlo leggermente e a fuoco basso, per utilizzarlo anche in un secondo momento, se necessario o se ve ne dovesse restare; anche se crediamo che non ve ne resterà. 

 

Immagine Collezione Lucchi

 
Letto 34 volte Ultima modifica il Mercoledì, 02 Agosto 2017 12:22
Giorgio Ariu

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.