GIA COMUNICAZIONE di Giorgio Ariu
Dal 1971 raccontiamo e promuoviamo le meraviglie della Sardegna: le sue coste, la sua gente e le sue tradizioni. Attraverso le nostre riviste, i nostri libri, e le campagne su misura per ogni ente pubblico e privato. La nostra Casa Editrice offre sistemi integrati di comunicazione per ogni impresa: riviste, libri, eventi, format e spot TV, materiali promozionali, studio e realizzazione di loghi e marchi aziendali.

Mercoledì, 24 Gennaio 2018 10:36

in sardegna il cielo insaporisce tutto - maria teresa ruta

Scritto da

Ecco, la Sardegna che io amo è questa. L'ho scelta come terra di adozione. Dopo la folgorazione adolescenziale per Gigi Riva, è esplosa in me la voglia di conoscere luoghi, sapori, suoni, colori, profumi che mitizzati da certa letteratura mi parevano così distanti dalle mie tante patrie, dalle mie case. l'incantesimo c'è stato e subito: intuivo che dietro la facciata della prima serata di gala nel grand'hotel, mi portava a ridere di gusto con la gente del posto, così sincera, trasparente, orgogliosa e mai invadente.

E' stato come seguire il mio amato aquilone. Anch'io ho ricamato fughe di pensieri attorno a tavolate che dicevano tutto sulla civiltà della tavola: sapori che erano rimasti nella memoria, vini sinceri, musiche avvolgenti. Tutto generoso come la gente, mai fìnta.

Per questo è nato il mio paradiso nel posto più bello del mondo, a Santa Margherita di Pula. Ci sono il suono della risacca, i profumi dei pini, le tentazioni degli amici attorno alla nuova grigliata, la voglia di dipingere le pareti, le musiche di Guenda e le ricerche silenziose e profonde di Gianamedeo, le notti a spiare le stelle. Eppoi le escursioni a cavallo, le visite alle chiese e alle miniere di Iglesias, le gite in barca a Tuerredda, gli scivoli pazzi al Monastero e le cene nei suoi cortili con Pippo e Katia con la sola luce della luna, le gite in barca con un panino e un vermentino nell'incantesimo del neonato parco geomarino di Villasimius. Il calore, le forti emozioni della immersione totale estiva e delle fughe di certi fine settimana me li porto tutti come vera "salute" a Milano, negli studi televisivi, in casa quando c'è da correggere i compiti con Guenda e Gianamedeo e in cucina quando invariabilmente ci riproponiamo la nostra fregula, i malloreddus con la salsiccia, lo spezzatino di cinghiale. Ma l'aria e i profumi sono altri. Come il cielo che insaporisce tutto.

 

da "Sardegnatavola" 1993, direttore Giorgio Ariu

Letto 79 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Gennaio 2018 10:47
Giorgio Ariu

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.